Pandemia e viaggi sostenibili: un punto di svolta

Il mondo ricomincia con cautela a viaggiare e le persone si impegnano più di prima a farlo in modo consapevole. Insomma, la pandemia è il punto di svolta che porta le persone a impegnarsi concretamente a viaggiare in modo più sostenibile. L’81% dei viaggiatori italiani pensa infatti che si debba agire ora per poter preservare il pianeta per le generazioni future, e il 57% afferma che la pandemia li ha spinti a voler viaggiare in modo più sostenibile in futuro. Si tratta di alcuni risultati emersi da una ricerca pubblicata da Booking.com sui viaggi sostenibili.

I viaggiatori vogliono impegnarsi anche nel quotidiano

Secondo la ricerca, quindi, i viaggiatori vogliono impegnarsi a favore della sostenibilità sia nel quotidiano sia nei viaggi futuri. Il 59% degli italiani, infatti, ammette che la pandemia li ha spinti ad apportare cambiamenti positivi nella propria vita quotidiana. Fare la raccolta differenziata (63%) e ridurre lo spreco alimentare (46%) ora sono di massima priorità nelle case degli italiani. Inoltre, l’89% intende ridurre i rifiuti, l’86% il proprio consumo energetico e l’85% desidera spostarsi in modo più rispettoso dell’ambiente, ad esempio, camminando, andando in bicicletta o prendendo i mezzi pubblici, piuttosto che taxi o auto a noleggio.

Il rispetto per le comunità locali

Anche il rispetto per le comunità locali è in cima alla lista: durante i viaggi il 79% degli italiani vuole vivere esperienze autentiche e rappresentative della cultura locale, e il 92% pensa sia cruciale aumentare la comprensione culturale e la conservazione del patrimonio culturale. Inoltre, l’88% vorrebbe che l’impatto economico del settore fosse distribuito equamente a tutti i livelli della società. Il 76% degli intervistati afferma anche di voler evitare le destinazioni e attrazioni più popolari per non contribuire al sovraffollamento. In questo modo pensa di aiutare le destinazioni meno visitate e le relative comunità a trarre beneficio dagli effetti positivi dei viaggi.

Non solo buone intenzioni

Molti di questi buoni propositi stanno diventando realtà. Il 44% dei viaggiatori italiani negli ultimi 12 mesi in vacanza ha scelto di spegnere l’aria condizionata o il riscaldamento nel proprio alloggio quando non era presente, e il 41% ha portato con sé una borraccia riutilizzabile per non acquistare acqua in bottiglia. O ancora, riporta Askanews, il 30% degli intervistati ha svolto attività a sostegno della comunità locale. Il 68% ammette poi di sentirsi a disagio se il posto dove soggiorna gli impedisce di essere sostenibile, ad esempio, negando la possibilità di fare la raccolta differenziata.

Istat: la fiducia di imprese e famiglie è a livelli pre-Covid

Secondo i dati Istat per il mese di maggio l’indice di fiducia dei consumatori si avvicina al livello di febbraio 2020, segnalando un recupero completo rispetto alla caduta dovuta all’emergenza sanitaria. Secondo l’Istat il clima delle imprese accelera fortemente rispetto alla tendenza positiva in atto da dicembre 2020, raggiungendo il livello più elevato da febbraio 2018. L’indice dei consumatori, invece, sale da 102,3 punti a 110,6, con un miglioramento di tutte le componenti, a partire dalle opinioni sulla situazione economica del Paese, mentre l’indice composito delle imprese corre da 97,9 a 106,7. 

Un balzo verso l’alto del clima economico. Clima personale più contenuto

Quanto ai consumatori, una nota dell’Istat evidenzia “il balzo verso l’alto del clima economico (da 91,6 a 116,2) e di quello futuro (da 109,6 a 122,5), mentre il clima personale e quello corrente registrano incrementi più contenuti (da 105,9 a 108,7 e da 97,4 a 102,6, rispettivamente)”. Anche per le imprese, i progressi sono diffusi a tutti i comparti osservati.
In particolare, nell’industria manifatturiera l’indice sale da 106,0 a 110,2 e nelle costruzioni da 148,5 a 153,9. Nei servizi di mercato c’è poi un aumento accentuato dell’indice, che sale da 87,6 a 98,4, mentre nel commercio al dettaglio l’incremento è meno ampio (da 96,0 a 99,3).

Netta crescita degli indici nei settori dei beni strumentali e dei beni di consumo

Nell’industria manifatturiera e in quella delle costruzioni migliorano tutte le componenti dell’indice di fiducia. L’Istat segnala infatti “una netta crescita della fiducia nei settori dei beni strumentali e dei beni di consumo nel comparto manifatturiero, per quanto attiene alle costruzioni, il miglioramento della fiducia è più spiccato nel settore dei lavori di costruzione specializzati”. E per i servizi di mercato il saldo di tutte le componenti dell’indice sono in decisa risalita, riporta Ansa.

Migliora la fiducia anche nel settore del turismo e in quello del trasporto

“La fiducia migliora in modo rilevante nel settore del turismo e in quello del trasporto e magazzinaggio – aggiunge la nota dell’Istat -. Nel commercio al dettaglio, migliorano sia i giudizi sia le aspettative sulle vendite mentre le scorte sono giudicate in accumulo. Per quanto riguarda i circuiti distributivi, il miglioramento della fiducia è diffuso a entrambe le componenti, ma con intensità diverse: nella grande distribuzione l’aumento è moderato (l’indice sale da 101,4 a 102,6), mentre nella distribuzione tradizionale è pronunciato (l’indice passa da 83,1 a 92,1)”.

Lavoro: 389mila entrate previste dalle imprese per maggio 2021

Le assunzioni programmate dalle imprese per il mese di maggio 2021 sono oltre 389mila, e nell’arco del trimestre maggio-luglio sfiorano 1,27 milioni. Sebbene in un quadro di incertezza si registrano una ripresa dell’attività economica globale e degli scambi commerciali, sostenuti soprattutto da Cina e USA. Il clima di maggior fiducia delle imprese, dovuto ai recenti allentamenti delle restrizioni anti-Covid, produce quindi per il mese di maggio una crescita dei contratti sul mese precedente pari a +84mila, con un tasso di crescita del 27,5%). Da quanto emerge dal Bollettino mensile del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal, aumenta anche la quota di imprese che programmano assunzioni, che passano dal 9% di aprile al 12% di maggio.

Ristorazione e filiera del turismo, oltre 67mila ricerche di personale

I contratti programmati dalle imprese dell’industria per maggio sono oltre 127mila. Sono alla ricerca di nuovo personale i settori del Made in Italy maggiormente vocati all’export, come la meccatronica e la metallurgia (rispettivamente 20mila e 16mila assunzioni programmate), l’alimentare e il sistema moda (entrambe con 11mila assunzioni) e la chimica-farmaceutica-gomma-plastica (9mila). Elevata anche la domanda di lavoro delle imprese del comparto costruzioni che si attesta su circa 46mila assunzioni. Oltre 262mila sono invece i nuovi contratti previsti dalle imprese che operano nei servizi, in particolare nella ristorazione e nella filiera del turismo (oltre 67mila ricerche di personale), nelle attività ricreative, culturali e altri servizi alla persona (circa 50mila) e nelle attività commerciali (circa 46mila).

Quali sono le figure più ricercate?

Dal Borsino Excelsior di maggio 2021 le figure più ricercate sono le professioni qualificate nelle attività commerciali e dei servizi, con oltre 106mila ingressi. A seguire, gli operai specializzati (oltre 72mila ingressi), con un’elevata richiesta di addetti alle costruzioni (oltre 31 mila fra operai specializzati in costruzione, mantenimento e rifinitura) e meccanici, montatori, riparatori e manutentori di macchinari (oltre 10mila). In termini tendenziali, rispetto a maggio 2019 cresce la domanda soprattutto per le professioni a più elevata specializzazione (oltre 20mila entrate, con un tasso di crescita del 7,5%), in particolare per ingegneri (+7,9%) e specialisti in gestione (+7,4%). In aumento anche la domanda di tecnici in campo informatico (+25,8%) e ingegneristico (+19,8%), e per la gestione dei processi produttivi (+55,7%).

Mezzogiorno e Nord Est le aree con il più elevato incremento delle entrate

Sul territorio si osserva come siano il Mezzogiorno, dove sono maggiori le attese per il settore turistico, e il Nord Est manifatturiero le aree con il più elevato incremento sul mese precedente delle entrate programmate. Rispettivamente, le due aree contano +26mila e +24mila ingressi previsti, sebbene proprio nel Mezzogiorno si registri ancora il più ampio divario rispetto ai livelli occupazionali di maggio 2019.

Come funzionano i Codici Sconto Shein?

Su Sconti e Buoni trovi sempre nuovi Codici Sconto Shein da applicare al carrello al momento del check out. Usare un codice sconto è veramente semplice e basta cliccare su AGGIUNGI IN CARRELLO per applicarlo al processo di acquisto. Ricordiamo che non si può usare un codice sconto SHEIN senza avere un account e per questo è fondamentale registrarsi sul sito ed effettuare il login per l’acquisto.

Lo spazio per inserire il Codice Coupon Shein apparirà nella parte destra e il software calcolerà in automatico l’ammontare dello sconto, che apparirà in rosso. Se il codice sconto Shein inserito è valido apparirà la scritta “Coupon applicato con successo” e per completare l’acquisto sarà sufficiente fare click su Ordina.

Oltre alla data di scadenza del codice sconto, l’unico limite è dato dal fatto che si può applicare un solo codice sconto per ogni carrello. Inoltre, alcuni codici Shein sono specifici per il primo acquisto o per acquisti che superano un dato importo.

Cosa si può acquistare su Shein

Shein è il sito di abbigliamento femminile e per adolescenti che offre capi trendy a prezzi irresistibili, compresi capi per bambini, abbigliamento per il mare e moda curvy. Non mancano gli accessori, perfetti per fare un regalo originale a qualcuno. Un’altra idea regalo è la e-carta regalo Shein, da caricare con un determinato importo per rendere felice chi si ama.

Acquistare sul sito Shein significa portare a casa capi di tendenza e di alta qualità e anche il servizio di assistenza, spedizione e consegna della merce è ritenuto impeccabile. Tutti i prodotti proposti sul sito comprendono le ultime tendenze della moda e sono venduti a prezzi democratici oltre ad essere spediti e consegnati in tempo record. Il motto dell’azienda è che “tutti devono essere in grado di apprezzare la bellezza della moda”.

Oggi Shein è un brand conosciuto in 220 Paesi del mondo e conta su una struttura organizzativa efficiente, mentre ogni articolo nasce dall’idea del brand, che viene messa su carta e realizzata per poi passare diversi controlli di qualità sulle materie prime e sul prodotto finito. Un risultato che viene poi proposto ai clienti di tutto il mondo sull’ecommerce e che si può acquistare risparmiando grazie ai codici sconto Shein.

Acquistare online è divertente, comodo e semplice e usare i codici sconto Shein che trovi su Sconti e Buoni ti permette sempre di accedere alle migliori offerte di questo e-shop conosciuto in tutto il mondo.

Riapertura ristoranti: l’aiuto per ripartire arriva dal digitale

Il settore della ristorazione è stato messo a dura prova dalle restrizioni e chiusure imposte dalla pandemia, e con la ripresa delle attività previste nelle Regioni di fascia gialla a partire dal 26 aprile deve farsi trovare pronto. Anche con l’ausilio di strumenti digitali, che nell’ultimo anno hanno aiutato il settore a reinventarsi, e nonostante le difficoltà, a continuare a lavorare, restando in contatto con i clienti, organizzandosi con prenotazioni, servizi di delivery e take away. Per questo motivo, GoDaddy, azienda che offre a Pmi e imprenditori una suite integrata di strumenti per il business online, ha composto un vademecum di consigli per i ristoratori in modo che possano riaprire sfruttando le potenzialità del digitale.

Avvisare i clienti e usare i social per comunicare

Innanzitutto è importante avvisare i clienti abituali della riapertura del proprio ristorante. Una volta raccolti e ordinati i recapiti in un file (indirizzi mail, numeri di cellulare di cui si ha l’autorizzazione all’utilizzo) è possibile realizzare in maniera facile una piccola campagna di marketing via mail o WhatsApp. Un’altra mossa vincente è utilizzare i propri profili su Facebook o Instagram per intercettare un pubblico più ampio rispetto ai clienti abituali. Un post accompagnato da un’immagine in grado di esprimere la gioia di ripartire, può essere promosso con una piccola campagna adv dai costi contenuti.

Farsi trovare con Google My Business e attirare i visitatori online

Un’altra buona idea è quella di creare una scheda relativa alla propria attività commerciale dedicata nella ricerca di Google e in Google Maps. In questo modo si forniscono le informazioni di servizio ai clienti, indicando il percorso più breve e semplice per farsi raggiungere. Anche posizionare il proprio sito web nei risultati di ricerca attraverso l’ottimizzazione della SEO può fare una grande differenza per il business, soprattutto in questo periodo di ripartenza. A tale scopo due sono le strade da poter seguire: investire in advertising con Google Search Ads, in modo da apparire nei risultati di ricerca fin da subito, o valorizzare e ampliare la SEO del proprio sito. Un posizionamento migliore si traduce infatti in un maggior numero di visitatori. E risultando nelle prime posizioni organiche dei motori di ricerca si abbattono i costi dell’advertising.

Menu digitali per maggior sicurezza e utilizzo di Smart Pos

Creare menu digitali e QRcode per essere in linea con le norme di sicurezza e distanziamento, o addirittura registrare domini e creare pagine Web dedicate a piatti o ricette del ristorante, è un altro consiglio. In sala, l’utilizzo di tablet o smartphone consente di prendere le ordinazioni velocemente riducendo il rischio di contagio. E l’utilizzo di uno smart Pos consente agli esercenti di accettare tutti i metodi di pagamento, Contactless e a distanza. Inoltre, facilita la contabilità esportando i dati di vendita a un software di gestione contabile, e permette anche la creazione di gift cards per fidelizzare i clienti.

Internet casa: 1 italiano su 4 la vuole per giocare ai videogames

Per lavorare e per studiare, certo, ma anche per giocare. La linea internet a casa negli ultimi mesi è diventata un’assoluta necessità per poter continuare con la propria attività professionale e scolastica, ma c’è un nutrito gruppo di italiani che la vuole per dedicarsi al passatempo preferito: i videogames. La percentuale? Tra i nostri connazionali, 1 su 4 sceglie internet casa proprio per poter avere accesso ai videogiochi. In base a un’analisi fatta da Facile.it su un campione di oltre 650.000 richieste di cambio di fornitore, la percentuale degli utenti che ha dichiarato di usare la rete domestica per giocare online è aumentata del 30%, passando dal 16% rilevato nei mesi pre-pandemia al 21% rilevato tra marzo e dicembre 2020. E le richieste del primo trimestre del 2021 rivelano come la percentuale di utenti in cerca di una linea internet casa per giocare online sia addirittura arrivata al 25%.

Non è un’attività solo per giovani

Un altro elemento che emerge dalla ricerca è che la passione per i videogame non è una prerogativa solo dei giovanissimi. Certo, i richiedenti con età compresa tra i 18 e i 24 anni sono risultati essere la categoria che, in percentuale, usa con più frequenza la rete domestica per il gaming (quasi 1 su 3 nel primo trimestre 2021), ma l’utilizzo di internet per i giochi online è addirittura raddoppiato tra gli over 55. Nello specifico, tra i richiedenti con età compresa tra i 55 e i 64 anni si è passati dal 9% pre-pandemia al 18% nel 2021, mentre tra gli over 65 la percentuale è cresciuta dal 7% al 15%.
Cresce l’uso della Smart TV
Tra i passatempi digitali degli italiani non ci sono solo i videogiochi. Anche la Smart Tv ha registrato negli ultimi mesi un sensibile aumento, spinto dalla voglia di chi è a casa di guardare film e serie televisive in streaming: si è passati dal 48% del periodo pre-pandemia al 59% del primo trimestre del 2021. Come per il gaming online, anche in questo caso l’aumento ha riguardato tutte le fasce di età, seppur con differenze significative. I giovani con età compresa tra i 18 e i 24 anni, ancora una volta, sono risultati essere i richiedenti che con più frequenza si servono della linea dati per questa finalità, con una percentuale passata dal 53% pre-Covid al 62% del primo trimestre 2021.

Il 2020 è stato l’anno della pasta: consumi alla stelle e cottura… al dente!

Gli italiani, si sa, hanno una vera e propria passione per il piatto nazionale, la pasta. Ma nel 2020 questo “amore” è davvero esploso, tanto che nell’anno passato se ne sono registrati consumi eccezionali. Forse a causa del lockdown, che ci ha fatto cucinare di più, forse per il desiderio di affondare la forchetta ne comfort food per eccellenza, fatto sta che nel 2020 sono entrate nelle dispense degli italiani oltre 50 milioni di confezioni di pasta in più, con punte negli acquisti di circa il +40% a marzo e del +10% tra ottobre e novembre. Secondo un’elaborazione di Unione Italiana Food su dati IRI, nell’ultimo anno i consumi domestici di pasta sono aumentati del 5,5% a volume e del 10% a valore. Insomma, nei momenti bui alla pasta non si rinuncia.

Pasta lovers scatenati anche sui social

Fedeli sì alla pasta, ma anche curiosi di sperimentare nuove ricette: tanto che, in base a una ricerca Bva Doxa, 1 italiano su 3 ha provato modi diversi di prepararla, così da valorizzare al meglio il piatto preferito. E a spaghetti e rigatoni sono state dedicate centinaia di conversazioni e foto sui social, con quasi 270mila citazioni negli ultimi 6 mesi su Facebook, Twitter e Instagram.

Dall’Unione pastai la “scuola” per saperne di più

Per sostenere la nuova curiosità degli italiani verso tutti formati di pasta, i pastai italiani di Unione Italiana Food hanno lanciato l’iniziativa #PastaDiscovery, un ciclo di appuntamenti virtuali dedicato all’ABC della pastasciutta. Il primo topic è dedicato alla cottura perfetta, da sempre metro di giudizio della pasta, visto che la tenuta al dente per gli italiani è sinonimo di qualità. Per 7 italiani su 10 non serve attenersi scrupolosamente ai minuti di cottura indicati sulla confezione, conta l’assaggio e l’esperienza.  #PastaDiscovery vivrà in tre momenti nel corso dell’anno sui canali social di WeLovePasta, community di oltre 30mila pasta lovers, con tanti contenuti multimediali che spaziano dai talk ai consigli pratici, alla storia, scienza e cultura della pasta, alle guide e ai test di assaggio, fino alle interviste e ai contributi video di gastronomi, pastai, food blogger e i consigli di Cristina Bowerman, chef stellato e presidente dell’associazione Ambasciatori del Gusto. Insomma, si potrebbe dire che la pasta è il comfort food per eccellenza: e già che ci siamo, perché non cucinarla da veri esperti in previsione di una spaghettata (finalmente) collettiva? 

Il 2021 sarà l’anno del Marketing Emotivamente Intelligente

Molti sviluppi a cui assisteremo sono guidati o sono stati accelerati dalla pandemia legata al Covid-19. Oggi il mondo è molto diverso rispetto a com’era alla fine del decennio precedente, e per i marchi i tempi sempre più stretti significano un maggiore bisogno di intelligenza emotiva, quindi, devono ascoltare e capire come si sentono i loro consumatori e aiutarli a navigare nel nuovo mondo attraverso prodotti, servizi e azioni. È quanto emerge dal Report Carat Trends 2021 – The Year of Emotionally Intelligent Marketing, che esamina le tendenze dei media nel 2021 e le tendenze sociali di lungo periodo, quelle che plasmeranno gli anni ’20.

Dal remote first al The Donut Problem

Tra le tendenze sociali a lungo termine è emerso che non abbiamo più paura di perderci qualcosa (Fear of Missing Out), abbiamo paura di uscire (Fear of Going Out), stiamo vivendo vite molto più distanti, costringendo i marchi a progettare prodotti e servizi “remote first”. Sembra poi che abbiamo il cosiddetto The Donut Problem, ovvero, ‘il problema della ciambella’: lavorare da casa significa che meno persone si spostano nel centro di paesi e città, creando nei centri urbani una forma ‘a ciambella’, con implicazioni significative per i media e la vendita al dettaglio.

Dalla ‘vita della fotocamera’ al Metaverse

La vita a distanza ha accelerato l’uso della realtà aumentata e dei codici QR, che utilizzano la fotocamera del telefono. Con l’aumento dell’utilizzo, queste tecnologie sono diventate molto più rilevanti. Ai media quindi chiediamo sempre più che siano responsible, e i marchi emotivamente intelligenti devono ascoltare i loro clienti e, sulla base di questo ascolto, decidere come esprimersi su argomenti diversi assicurandosi che i loro investimenti nei media riflettano questo. C’è poi un nuovo spazio, il Metaverse: il gaming si sta evolvendo in un luogo molto più sociale, con il potenziale per essere il principale social media per molti. Se stiamo già facendo acquisti sulle piattaforme social, quindi perché non farli nei giochi?

Valori e modalità operative restano progettati attorno all’essere umano

“Il mondo attuale è molto diverso da quello del decennio precedente. La pandemia legata al Covid-19 ha apportato moltissimi cambiamenti in un lasso di tempo particolarmente ristretto – commenta Piergiorgio Manuti, Managing Director di Carat Italia -. Per le marche, i tempi che stiamo vivendo significano un maggior bisogno di intelligenza emotiva: devono mettersi in ascolto per comprendere come si sentono i loro consumatori, e aiutare le persone a vivere il nuovo mondo attraverso i loro prodotti, servizi e azioni. I dati sono sempre più centrali nella way of working di Carat, ma i valori e le modalità operative restano progettati attorno all’essere umano, il cui studio è imprescindibile per valutare e definire le connessioni tra brand e pubblico”.

Le sculture luminose di FG Art e Design

Le sculture luminose proposte da FG Art e Design, azienda con sede in provincia di Varese specializzata nella progettazione e realizzazione di arredi ed elementi di design, sono dei veri e propri oggetti d’arte che riescono a coniugare il design e la scultura in un connubio veramente intenso e facile da comprendere.

Parliamo di opere che possono arricchire con gusto e ricercatezza ogni ambiente di casa, grazie anche alle luci che le caratterizzano.

Sculture luminose e altri elementi di design

Sul sito ufficiale è possibile ammirare una carrellata di creazioni ed il modo in cui queste hanno arricchito gli ambienti per i quali sono state pensate, grazie agli interessanti giochi di luce e riflessi che producono.

Questa importante realtà italiana, sin dai suoi primi anni di attività, si è affermata per la qualità delle sue realizzazioni e per le soluzioni di design davvero ricercate che sono il frutto di un lavoro di squadra ben assortito.

Il team  di FG Art e Design vanta infatti la presenza di esperti interior designer, architetti e soprattutto artigiani che sono in grado di “modellare” ogni tipo di materiale dando vita alla progettazione di elementi davvero unici ed esportati in tutto il mondo.

Elementi di arredo sempre più ricercati dagli utenti

Sempre più infatti, gli elementi di arredo di design sono in grado di generare l’interesse di quanti desiderano arricchire gli ambienti di casa con gusto e per questo inserire degli elementi raffinati che lascino intendere la personalità di chi vive in quel determinato ambiente, integrandosi perfettamente con il resto degli arredi presenti.

Tra le varie proposte del team di FG Art e Design, oltre le sculture luminose, vi sono anche bellissimi specchi, sculture a parete in ferro, accessori in ceramica, tavoli e panche, e tutti quei piccoli elementi di arredo che sono in grado di completare ed arricchire un ambiente, valorizzando gli arredi già presenti.

WhatsApp detta nuove condizioni e su Telegram è subito impennata di nuovi utenti

WhatsApp annuncia di aggiornare i termini di utilizzo, e nelle 72 ore successive Telegram registra 25 milioni di nuovi utenti. In pratica, dopo questa discussa decisione, nelle prime settimane di gennaio 2021 la rivale della (per ora) più utilizzata app di messaggistica ha superato il mezzo miliardo complessivo di utenti attivi mensili. “La gente non vuole più scambiare la propria privacy con servizi gratuiti”, ha dichiarato Pavel Durov, il trentaseienne fondatore di Telegram sul suo canale, senza però citare testualmente la rivale americana. Insomma, se i nuovi termini di utilizzo WhatsApp consentiranno di condividere più dati con Facebook, a quanto pare a guadagnarci sarà proprio Telegram.

Un “rifugio” sicuro per chi cerca una piattaforma di comunicazione privata e sicura

I nuovi termini di WhatsApps hanno infatti suscitato numerose critiche, in quanto gli utenti extraeuropei che non accetteranno le nuove condizioni prima dell’8 febbraio saranno tagliati fuori dall’applicazione di messaggistica. Durov ha perciò affermato che Telegram è diventato il “più grande rifugio” per quanti cercano una piattaforma di comunicazione privata e sicura e ha assicurato ai nuovi utenti che il suo team “prende questa responsabilità molto seriamente”.

Il social che rifiuta di collaborare con qualsiasi autorità 

Telegram è stata fondata nel 2013 dai fratelli Pavel e Nikolai Durov, che hanno fondato anche il social network russo VKontakte. Tutelare privacy e sicurezza degli iscritti è sempre stata una priorità dell’app russa. Tanto che una delle caratteristiche che hanno reso Telegram popolare è proprio il rifiuto di collaborare con qualsiasi autorità e quello di consegnare le chiavi di cifratura dei messaggi: Il che ha portato al suo divieto in diversi Paesi, tra cui la Russia, anche se sul finire dello scorso anno Mosca ha annunciato che revocherà il divieto, riferisce Agi. 

Una reazione alle censure di Facebook e Twitter?

La tempistica dell’ultima impennata di iscrizioni, però, fa pensare che un ruolo possano averlo avuto anche le censure operate da Facebook e Twitter a gennaio, a partire dalla cancellazione degli account di Donald Trump e dei suoi sostenitori, riporta il Secolo d’Italia. Anche se Telegram, ha spiegato l’imprenditore russo, “aveva già registrato delle forti impennate dei suoi nuovi utenti durante i 7 anni di esperienza in materia di privacy dei suoi utenti, e lo scorso anno ha registrato 1,5 milioni di nuove iscrizioni al giorno”.